Risk Management

I processi di gestione del rischio

Una prima fase del processo di gestione del rischio è quella dedicata alla valutazione del rischio.

Qual è la probabilità che un rischio si realizzi? Quale sarà l’impatto di tale rischio sull’attività dell’azienda? Ci possono essere rischi che accanto ad una bassa probabilità di occorrenza possono avere un potenziale grosso impatto sull’operatività aziendale e viceversa rischi con elevata probabilità di occorrenza e basso impatto.

Si capisce che se nel caso di un rischio con elevata probabilità e alto impatto è semplice assegnare un indice di priorità non è così per i casi precedenti.

La principale difficoltà legata al risk management è infatti connessa principalmente al grado di difficoltà legata alle analisi e alle valutazioni da effettuare.


Come si identifica il rischio?

Si parla di rischio riferendosi ad un evento che, quando si verifica, causa problemi. Pertanto quando parliamo di identificazione del rischio ci muoviamo in un territorio difficile in quanto in parte legato alle esperienze e ai fallimenti e in parte alle previsioni (e quindi teorico).

Identificare la fonte del rischio è importante. Tale fonte (o sorgente) può ad esempio essere interna o esterna ad un’azienda. L’analisi di un rischio mette in campo diverse variabili alcune delle quali difficilmente monitorabili.

Infatti ricorrono alla gestione del rischio sia le grandi che le piccole imprese. Un’azienda deve poi mettere in conto la spesa che può richiedere monitorare determinati rischi, altro step molto importante in quanto potrebbe darsi che un analisi costo/opportunità rilevi che la gestione di alcuni rischi determini la sottrazione di risorse ad attività più redditizie.

Obiettivi

L’obiettivo principale del Risk management è quello di minimizzare le perdite e massimizzare l’efficacia e l’efficienza dei processi produttivi.

In realtà si tratta, più che di un singolo processo, di un insieme articolato di processi attraverso cui le aziende valutano dapprima la probabilità che si verifichi una determinata situazione e successivamente valutano il modo di evitarla, ridurne gli effetti, trasferirla a terzi o infine in molti casi accettarne in parte o totalmente le conseguenze minimizzando gli impatti sull’attività di impresa.


Modalità di erogazione

L’erogazione del servizio sarà effettuato da professionisti che operano sui mercati finanziari e nel mondo della consulenza alle aziende ed agli intermediari finanziari coinvolgendo il più possibile il discente attraverso lo sviluppo di un corso interattivo.

Il corso è erogato Face To Face, al fine di seguire meglio il discente nel percorso formativo. A tal proposito, in fase di acquisto del corso, si determina di concerto con il discente stesso, tutto il calendario del corso.


A chi si rivolge

utte quelle persone che vogliono migliorare la propria cultura sulle dinamiche economiche mondiali, al fine di poterne sfruttare le variabili, facendo trading on line.

Il corso è strutturato anche per persone che non hanno un background tecnico.


Durata

8 ORE

Consigliamo lezioni della durata di 2 ore cadauna con una cadenza di 2 lezioni/settimana. Questo al fine di dare modo al discente di assimilare meglio i concetti espressi in aula e poterli eventualmente rivedere con l’insegnante all’inizio della successiva lezione. I nostri corsi devono dare le basi per un lavoro e di conseguenza non possiamo lasciare in sospeso concetti non chiari per il discente.


Prezzo: 600,00 €.